Gone Home

pubblicato il 05/01/2014 ed è stato modificato l'ultima volta il 05/01/2014

in   News Recensione

UPDATE: potete scaricarla gratuitamente sul sito ufficiale al seguente link, troverete i download per le rispettive piattaforme Windows, Linux e Mac.
UPDATE 2: Affrettatevi! Sembra che Gone home rimarrà gratuito solo per questo weekend 12/11-13/11 (fonte: eurogamer).

Gone Home è un esperimento narrativo accattivante, ma sinceramente, nonostante i grossi voti azzardati su più testate specializzate, non credo valga i 18€ del prezzo su steam. Trama fuori dagli schemi, personaggi “virtuali” nel vero senso della parola, infatti non ne vedremo mai alcuno, ma ne intuiremo personalità e storie di vita attraverso documenti di tutti i tipi, dattiloscritti, attestati, lettere, diari segreti. Non fate assolutamente l’errore di pensare che Gone Home sia un’avventura grafica horror perchè non è assolutamente così, nonostante ad un certo punto sembri poter deviare in quella direzione.
Si tratta di un’avventura audace, nuova, coraggiosa anche per i temi trattati, ma abbastanza breve (circa 3h) e molto lineare, senza reali rompicapi o enigmi, si potrebbe completare anche avendo solo mezzo neurone; in tutto il corso del gioco si incontreranno solo 3 occasioni in cui interagire con serrature numeriche le quali saranno semplicemente sbloccabili tenendo bene aperti gli occhi sulle informazioni trovate in casa e a dire il vero senza neanche troppa difficoltà. Tecnicamente è accattivante, ma pecca per la mancata localizzazione dei sottotitoli, per il resto la consiglierei, ma magari aspettate che sia in saldo su steam oppure che venga ribassata in qualche bundle.

di m4ddok

Nato nel 1987, affronta i videogiochi la prima volta nel Natale del 1993 quando sotto l'Albero trova il mitico Game Boy (Play It Loud! trasparente) assieme a Super Mario Land, da lì si è spostato poi al Super Nintendo e dopo questa parentesi sulle console della grande N approda su PC, siamo alla fine degli anni '90. Da allora gioca principalmente su PC, senza abbandonare mai del tutto il gaming portatile.

Voto:

6.5

Thanks to/Grazie a:
Franklin Mark Liang &co. for his Hyphenator jquery plugin - per andare a capo in maniera uniforme in un articolo
Fred Heusschen (aka FrDH) for his dotdotdot jquery plugin - per imporre i puntini di sospensione in un div con testo troppo lungo
I ragazzi di Ludomedia da cui proviene sempre amore <3 e contemporaneamente se potessero ti schiaccerebbero con un bus a due piani <3
innegabilmente anche a me stesso

Login to WordPress