call of duty infinite warfare

Call of Duty vende meno, Activision si preoccupa

pubblicato il 07/11/2016 ed è stato modificato l'ultima volta il 07/11/2016

in   News

Un calo di vendite quasi inspiegabile affligge Call of Duty Infinite Warfare proprio all’inizio del suo periodo di rilascio, gli analisti si scervellano, mentre il titolo cala, ma si tratta di una statistica autoreferenziale perchè è al momento comunque secondo solo a FIFA 17.

UK ED EUROPA IN GENERALE
Le vendite di Infinite Warfare, l’ultima fatica della Infinity Ward, sono in netto calo rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti, anche rispetto a Black Ops 3, d’altra parte è anche opportuno sottolineare come entrambi i titoli siano usciti per la sola next-gen e quindi mancanti delle versioni PS3-X360. Nonostante questo Infinite Warfare ha venduto il 50% in meno rispetto a Black Ops 3.
Activision probabilmente non se l’aspettava non solo  perchè pensava di esser riuscita a dare un giusto boost di vendite grazie alla famosa versione da 99$ con inclusa la remastered del primissimo Modern Warfare, ma anche perchè credeva di aver rilasciato un titolo valido e per lo meno comparabile a quelli precedenti accompagnato dalla solita campagna di marketing da far impallidire le presidenziali USA (speriamo che Trump non conosca nessuno della sezione marketing di Activision n.d.r.).

Le cause sembrano essere tante, dallo scemare dell’attenzione verso il brand, fino all’accoglienza “fredda” dei fan a causa di una deriva fantascientifica estrema che non sembra essere in linea con le caratteristiche del brand in sé.

E IN ITALIA?
Nel Belpaese il discorso si fa più confuso, ma potremmo sostanzialemnte dire che le vendite potrebbero benissimo allinearsi a quelle UK anche per le stesse medesime ragioni riportate sopra, purtroppo però noi italiani ne abbiamo anche una o due in più.

In primo luogo è stata vista di cattivo occhio la campagna pubblicitaria portata nel nostro Paese, dove a sponsorizzare uno sparatutto futuristico appare Belen Rodriguez: scena che dai più è stata considerata quasi kafkiana (“ma di preciso questo Kafkian, chi era?” cit.).
In secondo luogo non è stata presa molto bene la forzata vendita “di coppia” con la remastered di Call of Duty Modern Warfare e che molti avrebbero voluto vedere venduto separatamente, ma questo è un mal comune anche a livello europeo, meno forse per il popolo americano che seppur sotto elezioni ha acquistato di buon grado questa versione, rinnovando per gli italioti lo stereotipo dell’americano spendaccione.

FONTE1: eurogamer
FONTE2: wired

di m4ddok

Nato nel 1987, affronta i videogiochi la prima volta nel Natale del 1993 quando sotto l'Albero trova il mitico Game Boy (Play It Loud! trasparente) assieme a Super Mario Land, da lì si è spostato poi al Super Nintendo e dopo questa parentesi sulle console della grande N approda su PC, siamo alla fine degli anni '90. Da allora gioca principalmente su PC, senza abbandonare mai del tutto il gaming portatile.

Thanks to/Grazie a:
Franklin Mark Liang &co. for his Hyphenator jquery plugin - per andare a capo in maniera uniforme in un articolo
Fred Heusschen (aka FrDH) for his dotdotdot jquery plugin - per imporre i puntini di sospensione in un div con testo troppo lungo
I ragazzi di Ludomedia da cui proviene sempre amore <3 e contemporaneamente se potessero ti schiaccerebbero con un bus a due piani <3
innegabilmente anche a me stesso

Login to WordPress